Rifugio Alpe di Tires

Escursione al rifugio Alpe di Tires | Denti di Terrarossa

I Denti di Terrarossa si ergono tra lo Sciliar, il Sassolungo e il Sassopiatto. Grazie al loro aspetto unico e inconfondibile, i Denti di Terrarossa modellano significativamente il panorama sul versante meridionale dell'Alpe di Siusi. Questa frastagliata formazione rocciosa (in tedesco “Rosszähne”: denti del destriero) prende il nome dal suo aspetto che ricorda in effetti i denti di un cavallo sovradimensionato.

Il rifugio Alpe di Tires è situato a un'altitudine di 2.440 metri sul livello del mare, nel bel mezzo dei Denti di Terrarossa, ed è raggiungibile seguendo vari sentieri escursionistici.

Escursione dall'Alpe di Siusi

Chi desidera fare un'escursione dall'Alpe di Siusi fino al rifugio Alpe di Tires può partire direttamente dalla stazione a monte della Cabinovia Alpe di Siusi situata a Compaccio. Da lì si può poi scegliere tra il percorso che passa per il rifugio Molignon (Mahlknechthütte) e quello che attraversa la Forcella Denti di Terrarossa.

Entrambi gli itinerari conducono inizialmente in direzione sud lungo il sentiero n. 7 che porta all’hotel Panorama. L'hotel Panorama è raggiungibile in circa 20 minuti di cammino. Se si vuole accorciare il percorso escursionistico si può raggiungere l’hotel Panorama anche viaggiando con la funivia che ha la sua stazione a valle a Compaccio e la stazione a monte proprio accanto all'Hotel Panorama.

Attraverso il rifugio Molignon

Dall’hotel panorama si prosegue lungo il sentiero n. 7 che degrada dapprima leggermente verso il basso, passando per la Palude dei Ladini (Ladinser Moos), per poi risalire fino a passare sotto alla Punta d’oro e sboccare infine nel sentiero n. 12. L’ulteriore percorso conduce quindi al rifugio Molignon, da dove si prosegue poi lungo il sentiero n. 8 fino al rifugio Alpe di Tires. Sulla strada verso il rifugio Molignon gli escursionisti attenti possono udire i fischi delle marmotte che popolano i prati circostanti.

L'ultima parte del sentiero conduce in modo relativamente ripido verso l'alto, dove i Denti di Terrarossa mostrano il loro lato meridionale in tutto il loro splendore, ricompensando così ampiamente lo sforzo compiuto.

L’itinerario da Compaccio attraverso il rifugio Molignon richiede circa 2 ore e mezza.

Attraverso la Forcella Denti di Terrarossa

Coloro che partendo dall’hotel Panorama preferiscono raggiungere il rifugio Alpe di Tires seguendo un itinerario ancora più alpino possono inizialmente seguire anch’essi il sentiero che passa per la Palude dei Ladini e che però – dopo aver raggiunto tale avvallamento – si immette a destra nel sentiero n. 2 attraversando dapprima i prati d’alpeggio. Da lì si raggiunge poi la cosiddetta Forcella Denti di Terrarossa (in tedesco: Rosszahnscharte) seguendo un sentiero serpeggiante che si sviluppa verso l’alto lungo ghiaioni e attraversa appunto la Forcella Denti di Terrarossa.

La via attraverso la Forcella Denti di Terrarossa è leggermente più impegnativa di quella che passa per il rifugio Molignon, ma offre tuttavia un meraviglioso panorama sui Denti di Terrarossa. La Forcella Denti di Terrarossa offre inoltre una magnifica vista sulle pareti rocciose dello Sciliar.

Dopo aver attraversato la Forcella Denti di Terrarossa ed aver raggiunto la fine del valico, il sentiero prosegue - solo per un breve tratto - verso destra fino al rifugio Alpe di Tires.

Anche per l’itinerario da Compaccio attraverso la Forcella Denti di Terrarossa è opportuno pianificare circa due o 2 ore e mezza di cammino.

Dallo Sciliar al rifugio Alpe di Tires

Il rifugio Alpe di Tires può essere raggiunto anche partendo dallo Sciliar (o più esattamente dal rifugio Bolzano). Chi fa un'escursione sul massiccio dello Sciliar può seguire l’itinerario che dallo Sciliar porta fino al rifugio Alpe di Tires lungo la cresta dolomitica.

A tale scopo si segue dapprima il sentiero che dal rifugio Bolzano porta in direzione del cosiddetto “Sentiero dei Turisti”. Dopo aver percorso il breve tratto di raccordo al Sentiero dei turisti, si svolta verso destra in direzione dei Denti di Terrarossa, seguendo cioè il sentiero n. 4 che procede quasi pianeggiante (con solo alcuni tratti lievemente in salita) in direzione est verso il rifugio Alpe di Tires passando, tra l’altro, sotto la vetta della Cima di Terrarossa.

Per l’itinerario dallo Sciliar all'Alpe di Tires è opportuno prevedere un tempo di percorrenza di circa due ore.

Dal Buco dell’Orso all'Alpe di Tires

Chi non vuole iniziare la propria escursione all'Alpe di Tires partendo dall’Alpe di Siusi (direttamente da Compaccio oppure attraverso lo Sciliar) può scegliere come punto di partenza anche San Cipriano oppure Bagni di Lavina Bianca (entrambi frazioni del comune di Tires al Catinaccio). Questo percorso conduce attraverso il cosiddetto Buco dell'Orso.

L'escursione può essere iniziata a San Cipriano (presso l'hotel Cyprianerhof) oppure a Bagni di Lavina Bianca in prossimità della malga Tschaminschwaige. In tal caso si attraversa dapprima la Val Ciamin, la quale offre uno straordinario panorama sulle circostanti cime dolomitiche.

Alla fine della Val Ciamin si continua in direzione nord attraverso la gola del Buco dell’Orso (senza però procedere fino al rifugio Bergamo al Principe!). Il sentiero che sale attraverso il Buco dell’Orso è relativamente ripido e impegnativo e richiede pertanto un passo sicuro. Dopo aver raggiunto l'estremità superiore del Buco dell’Orso si incontra il sentiero escursionistico proveniente dallo Sciliar. Da qui si prosegue in direzione est e, dopo circa 15 minuti, si raggiunge quindi la meta, ossia il rifugio Alpe di Tires.

Per l'intero itinerario attraverso il Buco dell’Orso è opportuno pianificare un tempo di percorrenza di circa sette ore.

Altri articoli:

chi è online

Abbiamo 388 visitatori e nessun utente online