Punta Santner

La punta Santner

Punta Sciliar – si chiamava in questo modo Punta Santner così denominata dal suo primo scalatore. Insieme a Punta Euringer, Punta Santner conferisce allo Sciliar – il biglietto da visita del Alpe di Siusi e dell’area dello Sciliar – il suo inconfondibile aspetto. Punta Santner è anche quella montagna che si erge sopra le località di Siusi e Castelrotto e che si vede sulla maggior parte delle cartoline dei luoghi di villeggiatura oggi amati.

La Punta Santner – in tedeco ”Santner“ – è alta 2.414 metri.

La montagna considerata invalicabile

Gli abitanti dell’area dello Sciliar, consideravano il “Punta Sciliar” invalicabile. Si pensava che – anche spendendo molti fiorini per scale, perni, ganci e simili – Punta Santner non fosse raggiungibile.

Johann Santner trovò nella concezione degli abitanti del posto, lo stimolo per scalare la montagna. Così il 02.07.1880 si alzò e cominciò a scalare la montagna nelle prime ore del mattino. E ci riuscì, fino a che non arrivò alla cima della montagna – ovvero al pezzo di roccia di dimensioni colossali, come egli lo chiamò.

Da quando Johann Santner scalò la montagna, essa prese il suo nome, il nome di colui che per primo l’aveva scalata. Ancora oggi, essa non viene più chiamata Punta Sciliar, ma Santner, o meglio Punta Santner.

La scalata di Punta Santner avrebbe segnato già allora una nuova fase della scalata della Dolomiti. Dalla prima scalata, l’elemento fondamentale non era il fatto stesso di scalare, ma lo spirito sportivo che portava a dominare quella affascinante struttura rocciosa.

Per spiegare la difficoltà della prima scalata di Johann Santner, si pensi che oggi quel percorso ha un grado di difficoltà III. Tuttavia occorre notare che le attrezzature per la scalata erano allora molto diverse da quelle disponibili oggi.

Johann Santner

Johann Santner diede quindi il suo nome all’imponente montagna, ai cui piedi si trova l’area dello Sciliar. Johann Santner comunque non proveniva da quella zona. Era infatti nato a Defreggen e visse molti anni a Bolzano, oggi capoluogo di regione dell’Alto Adige.

Nell’area dello Sciliar, egli arrivò come turista in estate e a breve si trovò a cofrontarsi con l’idea degli abitanti del luogo che ritenevano lo Punta Sciliar assolutamente invalicabile.

Oggi a Siusi, nei pressi della piazza cittadina, è stato posto un monumento in onore di Johann Santner, che ricorda la sua prima scalata. Questo monumento si trova sulla strada che, dalla strada di collegamento Fie allo Sciliar – Castelrotto porta alla piazza cittadina.

chi è online

Abbiamo 367 visitatori e nessun utente online

Apache2 Debian Default Page: It works
It works!

This is the default welcome page used to test the correct operation of the Apache2 server after installation on Debian systems. If you can read this page, it means that the Apache HTTP server installed at this site is working properly. You should replace this file (located at /var/www/html/index.html) before continuing to operate your HTTP server.

If you are a normal user of this web site and don't know what this page is about, this probably means that the site is currently unavailable due to maintenance. If the problem persists, please contact the site's administrator.

Configuration Overview

Debian's Apache2 default configuration is different from the upstream default configuration, and split into several files optimized for interaction with Debian tools. The configuration system is fully documented in /usr/share/doc/apache2/README.Debian.gz. Refer to this for the full documentation. Documentation for the web server itself can be found by accessing the manual if the apache2-doc package was installed on this server.

The configuration layout for an Apache2 web server installation on Debian systems is as follows:

/etc/apache2/
|-- apache2.conf
|       `--  ports.conf
|-- mods-enabled
|       |-- *.load
|       `-- *.conf
|-- conf-enabled
|       `-- *.conf
|-- sites-enabled
|       `-- *.conf
          
  • apache2.conf is the main configuration file. It puts the pieces together by including all remaining configuration files when starting up the web server.
  • ports.conf is always included from the main configuration file. It is used to determine the listening ports for incoming connections, and this file can be customized anytime.
  • Configuration files in the mods-enabled/, conf-enabled/ and sites-enabled/ directories contain particular configuration snippets which manage modules, global configuration fragments, or virtual host configurations, respectively.
  • They are activated by symlinking available configuration files from their respective *-available/ counterparts. These should be managed by using our helpers a2enmod, a2dismod, a2ensite, a2dissite, and a2enconf, a2disconf . See their respective man pages for detailed information.
  • The binary is called apache2. Due to the use of environment variables, in the default configuration, apache2 needs to be started/stopped with /etc/init.d/apache2 or apache2ctl. Calling /usr/bin/apache2 directly will not work with the default configuration.
Document Roots

By default, Debian does not allow access through the web browser to any file apart of those located in /var/www, public_html directories (when enabled) and /usr/share (for web applications). If your site is using a web document root located elsewhere (such as in /srv) you may need to whitelist your document root directory in /etc/apache2/apache2.conf.

The default Debian document root is /var/www/html. You can make your own virtual hosts under /var/www. This is different to previous releases which provides better security out of the box.

Reporting Problems

Please use the reportbug tool to report bugs in the Apache2 package with Debian. However, check existing bug reports before reporting a new bug.

Please report bugs specific to modules (such as PHP and others) to respective packages, not to the web server itself.